Rischi e assicurazioni: i 3 costi dell’incertezza che puoi eliminare

“Io so di non sapere”. Dalla celebre frase di Socrate è sicuramente possibile trarre molteplici ed utili insegnamenti anche nel campo dei rischi e delle relative soluzioni assicurative ad essi associate. In questo post poniamo infatti l’attenzione sull’enorme mole di efficienza, intesa in questo caso come puro vantaggio economico, che molti imprenditori non riescono a percepire o per l’appunto non sanno di poter gestire e quindi migliorare.

Prima di scoprire i 3 costi dell’incertezza chiediamoci: cosa si intende per “incertezza”?

Sicuramente a ciascuno di noi sarà capitato almeno una volta di trovarsi a dormire in un’abitazione diversa dalla propria. Supponiamo di alzarci nel mezzo della notte per cercare il bagno. Ogni azione comune diventerà una tragicomica sequenza di tentativi, di scontri con porte o, peggio, con scalini ed oggetti inattesi! Accade lo stesso nell’incertezza di prendere decisioni per la nostra azienda senza conoscere gli scenari di rischio correlati e connessi a queste scelte spesso strategiche.

Ogni imprenditore conosce nel profondo la sua azienda, la “sente” tutti i santi giorni e la guida con tenacia anche nella tempesta, ma spesso gli obiettivi di business non collimano con la gestione appropriata delle possibile conseguenze.

A questo punto se sei un imprenditore ti sarà di certo balenata in mente una domanda: se non ho il controllo totale dei miei rischi come posso assicurarli con efficienza?

La risposta è: non è possibile!

Possiamo sperare che una Compagnia sul mercato studi una polizza su misura solo per noi? Possiamo immaginare che un agente di assicurazioni con una semplice visita ispettiva colga a fondo tutte le dinamiche dell’azienda magari senza nemmeno un colloquio diretto? Ovviamente no.

Ecco quindi i 3 costi dell’incertezza che è possibile eliminare per generare efficienza!

  1. Distorsione dei processi decisionali: decidere senza conoscere le possibili conseguenze significa distorcere la percezione di ciò che abbiamo davanti. Non ci resta che affidarci al nostro istinto magico da imprenditori. ( infallibile? ). Generare efficienza = stabilire una corretta politica di rischio.
  2. Diminuzione dell’efficienza dei dipendenti: operai, impiegati, collaboratori che ogni giorno vivono l’ambiente dell’impresa diminuiranno il loro apporto e la loro attenzione trovandosi in un ambiente con scarso interesse verso la loro sicurezza, innescando un meccanismo di ulteriore rischio. Generare efficienza = condividere e diffondere una cultura della prevenzione.
  3. Erronea ed inefficiente impostazione del trasferimento assicurativo: l’assicuratore tenterà una valutazione dei tuoi asset e della consistenza della tua impresa, ma non si potrà mai calare nella realtà che solo tu conosci. Generare efficienza = trasferire al mercato assicurativo solo ciò che serve!

Dalla nostra esperienza recente scaturita dall’analisi di centinaia di realtà del territorio possiamo rilevare come le risorse economiche impiegate nella stipula di assicurazioni siano nella maggior parte dei casi tra il 10% e il 15% superiori a quanto realmente necessario e al netto di ogni aspetto puramente commerciale. Questo fenomeno è legato agli aspetti visti e spesso all’idea sbagliata secondo la quale la politica del rischio è un benchmark di mercato definito da terzi.

A suffragare questa tesi viene in aiuto una recentissima ricerca effettuata su 288 medie imprese italiane: le aziende che possiedono un processo integrato di gestione del rischio hanno una redditività del 38% superiore.

Il consiglio che vogliamo dare oggi è – valuta i rischi e crea la mappa soggettiva per la TUA azienda, solo dopo imposta le dirette e necessarie valutazioni assicurative.

Concludendo: se di notte portassimo con noi una torcia elettrica, probabilmente arriveremo alla meta sempre sani e salvi.

SCOPRI ORA COME CREARE LA TUA SOLUZIONE SU MISURA

The following two tabs change content below.

Nicola Massagrande

Socio Methis e intermediario assicurativo dal 2004. Diplomato Cineas - Master in risk management nel 2015 e all'Università degli studi di Verona - Corso di perfezionamento in risk management. Coordino l'attività e lo sviluppo dell'area commerciale. Passione, preparazione ed efficienza le parole chiave del futuro! La chitarra il mio hobby scaccia pensieri.
Share