Tromba d’aria a Chioggia – 4 giugno 2016

Le immagini di devastazione che arrivano dalla vicina costa adriatica di Chioggia vogliono rappresentarci, nel contempo, la potenza incontrollabile e imprevedibile della natura e uno dei rischi più evidenti ai quali esponiamo la nostra imbarcazione, specialmente durante la stagione estiva.

Risulta superfluo evidenziare come una qualsiasi imbarcazione, indipendentemente dalla stazza, avrebbe riportato danni ingenti se si fosse trovata sotto la furia degli eventi che vediamo nel video.

Episodi come quello avvenuto il 4 giugno sulla costa veneta stanno purtroppo aumentando sensibilmente la loro frequenza; i cambiamenti climatici in atto, infatti, rendono pericolosi e fortemente localizzati anche temporali che un tempo avremmo ritenuto normale routine di stagione.

In questo contesto di incertezza come possiamo tutelare la nostra imbarcazione?

Nell’articolo scorso (lo trovi qui) abbiamo trattato le accortezze necessarie per assicurare la barca a vela, oggi vediamo come coprire al meglio, anche per eventi atmosferici e trombe d’aria, una barca a motore.

La nostra esperienza nel settore ed i numerosi sinistri nautici gestiti negli anni ci insegnano che per una barca a motore è opportuno riporre maggiore attenzione nelle coperture contro i danni da:

  • Urti e/o collisioni dello scafo contro corpi sommersi o bassi fondali;
  • Eventi atmosferici con particolare riferimento a tendalini e divaneria esterni;
  • Surriscaldamento dei motori per occlusione delle prese a mare o per altre cause interne;
  • Rotture di timoni, eliche e dell’apparato motore in generale;
  • Incendio.

Attenzione però! Alcuni materiali costruttivi possono essere oggetto di non assicurabilità da parte delle Compagnie e questo importante aspetto viene spesso trascurato in fase di trattativa con l’intermediario; per questo motivo la raccomandazione più importante è di affidarsi ad un professionista assicurativo competente nel settore nautico. Grazie ad oltre 20 anni di esperienza siamo in grado di verificare nel dettaglio le caratteristiche della barca e trasferire al meglio il rischio sul mercato.

Altrettanto importante è optare per coperture che prevedano la rada non protetta 24h su 24h (ne abbiamo parlato in questo articolo del blog). Questa estensione, ad esempio, tutela la barca a motore tutte quelle volte che nelle sere d’estate è ancorata senza persone a bordo ed in acque non protette mentre ci concediamo una bella passeggiata nel piccolo paese di pescatori incontrato durante la crociera.

Indispensabile infine optare per una copertura integrale contro le spese di salvataggio e/o recupero del relitto in quanto possono arrivare a cifre molto elevate, proporzionate alle dimensioni ed al valore della barca a motore soccorsa.

Questi ed altri piccoli accorgimenti analizzati in fase preliminare permettono di sottoscrivere una polizza Corpi veramente completa, stipulata la quale potremo dedicarci interamente a fare ciò che amiamo di più: goderci il mare.

Se possiedi una barca a motore chiedici ora un preventivo personalizzato, compila il semplice form presente in questa pagina, verrai contattato da un nostro esperto e scoprirai tutti i vantaggi a te riservati.

SCOPRI ORA COME CREARE LA TUA SOLUZIONE SU MISURA

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

The following two tabs change content below.
Andrea Nalesso
Socio Methis - intermediario assicurativo specializzato in coperture per il settore nautico dal 1995. Parole d'ordine: attenzione ai dettagli e competenza.
Share